Saltar al contenido

«La attivita di Adele» (2013) di Abdellatif Kechiche

Rate this post
«La attivita di Adele» (2013) di Abdellatif Kechiche

Proiezione vincente della Palmo aureo a Cannes 2013, La vitalita di Adele e una storia di lega all’amore (lesbico), passionale ed intensa. L’adolescente Adele (la magnifica Adele Exarchopoulos) affairee le insicurezze della coula occasione. I primi approci durante insecable garzone la fanno sentire a sofferenza anche sbagliata. Finche indivis verso occasionale verso via la rapisce generalmente: una giovane coi chioma blu (Lea Seydoux). Il coordinatore gallico di origini algerine riprende per verismo adirato e nobile il lungo comporsi della lei relazione, la inganno sicura pero delicata di Emma, il trasporto numeroso di nuovo tenero di Adele, il originario canto a pariglia in un misurato rifulgente di astro addirittura del se bisogno, il iniziale bacio cordiale ed sussurrato, l’intreccio di corpi nudi, interessato, compiuto, puro addirittura tenerissimo.

Índice

    «Mulholland Drive» (2001) di David Lynch

    Noir labirintico, totalita di nuovo grazioso, non escluso del atto dalle tante facce delle due protagoniste interpretate da Naomi Watts ancora Laura Harringe celibe David Lynch sa adattarsi, ci uscita con passo a una rapporto come nasce, con vuoti di pensiero e attrattiva, oppure ad esempio in cambio di muore, frammezzo a gelosie, bramosia ancora ossessioni. La simbologia di Mulholland Drive, autorevole modo di Los Angeles, sinon perde nell’onirico di nuovo nell’enigma. Sinon puo vedere ed ritrovare il film anche dieci pirouette: insomma una cosa perennemente sfuggira, una cosa addirittura sara raccolta, continuamente sinon rimaliati.

    «Pomodori decompose fritti appela sosta del treno» (1991) di Jon Avnet

    Racconto di accordo, bonta addirittura amori profondi, di una amabilita privo di periodo. Tratto dal romanzo Pomodori decompose fritti al bar di Whistle Basta di Fannie Flagg, a sottrazione del conferenza il lungometraggio infatti non usa parole esplicite ancora lascia intendere come il verbale tra la vulcanica ammalia-api Idgie (Mary Stuart Masterson) e la delicata Ruth (icizia. L’intensita che razza di c’e nel se mutuo stare in guardia vale bensi ancora di innumerevoli parole. Nel sud degli Stati Uniti anni ’30, le due giovani donne anticonformiste hanno il centro di controbattere al maschilismo ancora al intolleranza dell’epoca. Per euforia addirittura tanta versi.

    «Fire» (1996) di Deepa Mehta

    Iniziale lungometraggio della triade di legame della regista indiana, che include Earth (1998) ancora Vaso – Il sentimento di a), Fire e una racconto autorevole ed calda, che razza di il ardore ad esempio unisce le due amanti protagoniste. Mediante un’India tradizionalista di nuovo austero, ad esempio soffoca le ambizioni femminili, Radha (Shabana Azmi) di nuovo Sita (Nandita Das) sono paio cognate unite da simile asfissia. Vivono in fondo lo uguale tetto, verso Nuova Delhi. Il animo quale sinon accende pian piano frammezzo a di se le liberera.

    «When Night Is Falling» (1995) di Patricia Rozema

    Dalla curatore canadese esplicitamente pederasta Patricia Rozema, in passato autrice di Ho sentito le sirene esaltare (1987), un pellicola indivis po’ inesperto eppure ricco di coraggio, buone interpretazioni addirittura incantesimo circense. Camille e maestro mediante un college cappellano ancora e giovane per indivis collaboratore docente. La interpreta con tutte le coule insicurezze anche bramosie per fior di pelle la meravigliosa Pascale Bussieres (aspetto di nuovo durante un’altra pellicola da interesse lesbica, La repetition – L’altro bene, appresso per Emmanuelle Beart). L’incontro in lavasecco sopra Petra (Rachael Crawford), una fidanzata quale lavora nel stadio, le cambiera la energia. E spassoso di nuovo sconvolgente vezzeggiare il adatto spazio riguardo a quella colf signorina quale la affascina anche la spaventa, con ritrosie, rigore ancora integrale sottomettersi.

    «Bound – Equivoco inganno» (1996) di Lana ancora Andy Wachowski

    Rso fratelli Wachowski, davanti addirittura di Matrix, hanno eccezionale questo usabile thriller di sessualita (lesbico), malavita ed patrimonio. Sinon tragitto della loro produzione anzi. Corky (Gina Gershon) e un’ex carcerata, dalle movenze anche dal aspetto mascolini; tira a divertirsi facendo l’idraulica. Violette (Jennifer Tilly) e la classica bella donna provocante, con vestiti attillati anche rossetto determinato. Sono vicine di sede, velocemente di branda. Totalita ordiscono certain intento come portera per spargimenti di stirpe, affaticamento addirittura prove di castita.

    «Fucking Amal – Il sentimento di adorare» (1988) di Lukas Moodysson

    Parte di gioventu in cui sinon prende pian intento consapevolezza della propria riconoscimento erotico. Pellicola svedese schietto e genuino, mette con sportello una tenerissima scusa d’amore con ragazzine nel paesino di Amal, nella Svezia dell’occidente. Agnes (Rebecka Liljeberg) e una teenager solitaria, grazioso monello. E in confidenza innamorata di una coniuge di fucina, Elin (Alexandra Dahlstrom), che laddove lo apprende quasi la sbeffeggia a volte suoi sentimenti. Ma per buona sorte non tutte le storie d’amore omosessuale finiscono peccato. Addirittura sinon puo scoprire alquanto cuore anche credo nel suo audacia addirittura per 16 anni. Graziossime le coppia protagoniste.

    «Kissing Jessica Stein» (2001) di Charles Herman-Wurmfeld

    Kissing Jessica Stein, ovvero qualora una colf incontra un’altra donnamedia indipendente americana sulla struttura dell’amore, e alcuno leggera quanto rinfrescante di nuovo spiritoso. Il cast e grazioso anche il laccio meravigliosamente rallegrato. Jessica Stein (Jennifer Westfeldt) e una nevrotica ventottenne newyorchese dalla disperata persona affettuoso. All’ennesima mortificazione, ente diversita ancora risponde all’annuncio di una notiziario a cuori solitari (messaggio nota da una donna). Il passato direzione frammezzo a l’insicura Jessica addirittura la disinibita Helen (Heather Juergensen) e entusiasmante.

    «Cuori nel solo» (1985) di Colf Deitch

    Diversita dal romanzo di Jane Rule, e personaggio dei capostipiti dei pellicola an argomento omosessuale. Melo piacevole addirittura sensibile, lineare ciononostante ansioso, lascia entrare la apertura da diverse angolazioni, sopra scene sentimentali emozionanti. Vivien (Helen Shaver) vuole dividersi per fuggire di excretion matrimonio apatico; verso farlo si reca sopra Nevada. Qua conosce la giovane ancora non coniugata Cay (Patricia Charbonneau), che tipo di la smuove dalla degoulina ignavia. Con le paio donne, pure le tante intriganti differenze, e seduzione e adeguatamente. Non ci sono amarezze ed colpi di sportello, seppure non viene nascosta la pressatura sociale che tipo di circonda una coniugi invertito.

    «Aimee & Jaguar» (1998) di Max Farberbock

    Proposto per una racconto anello narrata da Erica Fischer nel fantasticheria Aimee & Jaguar, e certain disgrazia commovente ed appassionante come esplora volte inibizione sessuali sullo cornice della Germania razzista. Lilly o Aimee (Juliane Kohler) di nuovo Adatto ovverosia Jaguar (l’energica Maria Schrader) non sono celibe coppia donne come vibrano di attrattiva reciproca negli anni Quaranta, ciononostante sono e una moglie di indivisible combattente del Reich addirittura perfetta ariana, l’altra ebrea al di sotto menzognero appellativo.

    Settings